Aree industriali

L’agglomerato industriale del capoluogo oristanese rappresenta la principale infrastruttura in cui è localizzato il maggior numero delle imprese in provincia di Oristano. Si estende a sud del capoluogo e si trova in posizione baricentrica rispetto alla Sardegna e al Mediterraneo, in un territorio pianeggiante. L’area gode anche di condizioni meteo-climatiche favorevoli e dista da Cagliari (capoluogo regionale e sede del principale aeroporto dell’Isola) meno di un’ora di auto. Ben collegata alle principali vie di comunicazione della Sardegna è un’area dalla quale le merci possono viaggiare sempre più agevolmente verso il bacino del Mediterraneo e verso il resto dell’Europa e del mondo.
La sua superficie complessiva è di circa 1.151 ettari, che ricadono in parte nel territorio comunale di Oristano e in parte in quello di Santa Giusta: quest’ultimo ospita anche la principale infrastruttura dell’agglomerato industriale, il Porto industriale - ufficialmente classificato Porto di rilevanza nazionale (Legge n.166 del 01/08/2002) - la cui peculiarità è che le aziende possono acquistare la proprietà delle aree prospicienti il porto stesso e realizzare pertanto terminali di attracco ad uso esclusivo.
L’ampia ed immediata disponibilità di aree attrezzate dotate dei principali servizi, l’elevato livello infrastrutturale, il vantaggio di dislocare le imprese lontano dai centri abitati ma, allo stesso tempo, in una zona baricentrica e facilmente accessibile grazie a veloci vie di collegamento e di trasporto, sono alcuni dei punti di forza che aumentano la capacità attrattiva dell’area industriale di Oristano e le sue potenzialità per incidere in termini positivi sull'economia provinciale. Inoltre, ogni imprenditore può contare sulla professionalità del personale del Consorzio, a disposizione per fornire informazioni e supporto in merito a qualsiasi necessità o problematica.

Nell’agglomerato sono insediate 142 strutture produttive in esercizio, comprese quelle in fase di localizzazione, quindi in procinto di avviare la propria attività (dati aggiornati alla fine del 2013). Si tratta di insediamenti industriali, artigianali, commerciali e di deposito, ed enti pubblici, che insieme contano oltre 2mila addetti tra occupati diretti e indiretti.
L’area è suddivisa in tre corpi distinti con vocazioni economiche e caratteristiche tra loro differenti: Nord, Centrale e Sud.